LIBANO – Inclusione sociale, formazione e salute riproduttiva per donne e bambine/i dell’area di Naba’a, Bourj Hammoud.

LIBANO – Inclusione sociale, formazione e salute riproduttiva per donne e bambine/i dell’area di Naba’a,  Bourj Hammoud.

2016 – Diritti e salute sessuale e riproduttiva

Dove

Bourj Hammoud, quartiere armeno situato nel nord-est di Beirut

Partner

ARCS  – Arci Cultura e Sviluppo capofila; AIDOS; organizzazione locale  Basmeh & Zeitooneh.

La situazione

Il Libano è oggi al 38° posto su 135 Paesi per indice di povertà e al 78° su 179 per indice di sviluppo umano. Dal marzo 2011 il paese risente pesantemente degli effetti della crisi siriana. Per UNHCR, ogni 1000 libanesi, ci sono 400 siriani: 1 milione di rifugiati censiti, 440 mila in età scolare, più dei coetanei libanesi. Gravi le ripercussioni sulle condizioni economiche e sociali, soprattutto nelle zone fortemente svantaggiate delle periferie di Beirut. La sanità è quasi completamente privata, non esistono medici di famiglia e  una rete di servizi sanitari di base. Il 50% della popolazione generale, in gran parte donne, rimane esclusa dal sistema sanitario.  Lo stress provocato dalle difficili condizioni economiche e da norme sociali e culturali fortemente patriarcali, ha provocato un aumento della violenza di genere (GBV) tra le mura domestiche, anche a causa della promiscuità,  e la condizione di subordinazione delle donne fa sì che sia praticamente impossibile uscire da situazioni di marginalità economica e sociale. Le donne vulnerabili sono  inoltre spesso discriminate nell’accesso all’educazione e al mercato del lavoro.

Obiettivi

Il progetto è realizzato secondo un approccio integrato che permette di lavorare su diversi aspetti quali educazione, formazione professionale e accesso alla salute. I partner, attraverso i corsi, le attività generatrici di reddito e l’attenzione alla salute di donne e bambini,  danno ai beneficiari la possibilità di una maggiore consapevolezza dei propri diritti e possibilità. A livello sanitario, al sostegno puramente medico per le donne viene affiancato quello psicologico e legale. Il progetto ha come obiettivo generale: migliorare le condizioni di vita di donne e bambini vulnerabili nelle aree urbane di Beirut; come obiettivo specifico: promuovere l’inclusione sociale e l’accesso a servizi di salute per donne e bambini vulnerabili di Naba’a attraverso la creazione di un Community Center in grado di offrire servizi per donne e bambini vulnerabili.  L’intera comunità di Boutj Hammoud sarà coinvolta nell’implementazione del progetto che prevede queste attività: visite domiciliari per informare gli abitanti sui servizi offerti; corsi di alfabetizzazione, inglese e informatica; laboratorio tessile-artigianale;  realizzazione di un ambulatorio gratuito per servizi di  salute sessuale e riproduttiva e violenza di genere; training sui diritti delle donne; produzione di materiale informativo e realizzazione di incontri di sensibilizzazione su salute sessuale e riproduttiva; formazione educatori di Basmeh & Zeitooneh; spazio asilo per i figli delle beneficiarie.

Beneficiari/e

Diretti:  circa 10.000 donne, 3.000 bambini vulnerabili di Naba’a e 10 operatori che parteciperanno a training specifici; indiretti: tutti i membri della comunità che vedranno accrescere consapevolezza e reddito generale e parte della società civile italiana, grazie al canale di commercializzazione dei prodotti.

Risultati 

Miglioramento delle competenze professionali delle donne e aumento delle opportunità lavorative; miglioramento nell’accesso a servizi di salute sessuale e riproduttiva e violenza di genere e aumento della consapevolezza di donne e adolescenti su queste tematiche; inclusione sociale di giovani e bambini attraverso l’organizzazione di attività formative e socio-educative.

Durata del progetto

3 anni  (2016-2018)

Costo del progetto

1.150.700,00€

Chi finanzia

MAE –  DGCS : 805.400€ (69,99%); Contributo ONG: 247.100€  (21.47%); Contributo Locale: 98.200€  (8,53%)

Scheda del progetto

Competenze

Postato il

13 dicembre 2016